Una volta Yahoo! era il dominatore di Internet, uno dei precursori del World Wide Web. Sono passati 22 anni da quando nel 1994 la società nata nell’Università di Stanford iniziò a fornire servizi online alle aziende. 

Oggi, dopo essere stato il motore di ricerca più utilizzato ed avere rifiutato nel 2008 un’offerta di acquisizione da parte di Microsoft da 44 miliardi di dollari, yahoo logoYahoo! cede il suo core business per 4,8 miliardi di dollari a Verizon, una delle aziende leader a livello mondiale nel campo della telefonia mobile.
Il colosso americano ha perso gradualmente la sua posizione dominante sul web a causa dell’avvento dei nuovi algoritmi di ricerca proposti da Google da Facebook e dell’affermarsi dell’era mobile.
Il ceo Marissa Mayer, uno dei personaggi chiave del successo di Google, non è riuscita nell’arduo compito di risollevare il destino di Yahoo! ed è molto probabile che con il nuovo corso targato Verizon possa essere fatta fuori. Secondo il New York Times, però, la Mayer si “consolerà” con una buonuscita da 57 milioni di dollari.
Verizon ha acquisito tutta la parte riguardante il motore di ricerca, più Yahoo! Mail, Yahoo! Business e tutta il comparto pubblicitario. L’obiettivo della compagnia telefonica è provare a contrastare il dominio sul Web di Google e Facebook. Yahoo! perderà anche il suo nome, mentre rimarrà intatto il pacchetto azionario da 41 miliardi di dollari investito in Yahoo! Japan Corp (35,5% delle quote societarie) e Alibaba (15%).