close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

Startup: quanto e dove investono i venture capitalist?

venture-capitalist-italia

Il capitale di rischio rappresenta una risorsa fondamentale per le startup. In Italia gli investimenti da parte dei venture capitalist sono ancora piuttosto limitati, anche se presentano dei picchi interessanti in determinate regioni. 

Il Sole 24 Ore ha pubblicato i dati dell’Aifi, l’Associazione italiana del venture capital, private equity e private debt, sulle risorse drenate verso le startup nel periodo 2013-2015.
venture-capitalist-italiaComplessivamente negli ultimi tre anni sono stati investiti 185 milioni di euro. Al primo posto troviamo la Lombardia che ha attirato 48 milioni di euro; seconda, in maniera sorprendente, è la Sardegna con 36 milioni di euro, corrispondenti al 20% delle risorse investite in startup. Terza, invece, l’Emilia Romagna (25 milioni).
Se analizziamo, invece, il numero di operazioni effettuate nell’ultimo triennio, ci sono state in tutto 362 operazioni, la maggior parte delle quali (103) realizzate in Lombardia. Molto più indietro la seconda e la terza classificata, ovvero Campania e Sardegna, che sono state protagoniste rispettivamente di 36 e 35 operazioni.
Spicca in negativo il numero limitato di investimenti effettuati nelle regioni del Sud: Puglia e Molise, ad esempio, sono addirittura a quota zero, mentre Basilicata e Calabria fanno registrare rispettivamente una e cinque operazioni.

Per quanto riguarda, invece, i settori coinvolti negli investimenti in capitale di rischio, svetta quello dei computer con 81 operazioni, seguito da quello dei servizi non finanziari (51) e dal medicale (39).
In generale l’Italia è ancora poco attraente verso gli investimenti privati. Basta dare una rapida occhiata ai dati dell’Europa e del Regno Unito (il paese europeo con il numero più alto di risorse investite in startup hi-tech) per renderci conto dello stato di arretratezza nel quale verso il nostro Paese.
Secondo Kpmg e CB Insights, solo nell’anno 2015, gli investimenti da parte dei venture capitalist in Europa hanno raggiunto quota 13 miliardi. Il 48% delle operazioni ha riguardato le imprese operative nel settore Internet.
La Gran Bretagna ha ricevuto addirittura 4,7 miliardi di euro di euro, più di un terzo del totale degli investimenti fatti registrare nel Vecchio Continente.

Tag:, , , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page