close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

Startup: il 10% attive nel settore dell’energia

cooperative energia

Sono 614 le startup italiane che si occupano di energia, circa il 10% dell’intero sistema innovativo nostrano. 

Lo rivela il Rapporto annuale sull’innovazione energetica realizzato dall’Istituto per la competitività (I-Com) e presentato in occasione del convegno “L’INNOVAZIONE AL CUBO. Energia, mobilità, territori”.
cooperative energiaIl tema della sostenibilità ambientale sta diventando centrale soprattutto all’interno delle imprese, specie in quelle che intendono avere un forte impatto sociale. Sono nello specifico 16.237 le organizzazioni censite dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico, di queste 421 sono cooperative.
Negli ultimi anni cresce il numero di imprese che vuole applicare soluzioni innovative in questo settore così come sono sempre di più le aziende agricole che richiedono impianti di biomassa e biogas per conciliare produzione e rispetto ambientale.
Veicolare valori come quelli della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente, inoltre, contribuisce a migliorare l’immagine di un’azienda. Ecco spiegata la crescita delle startup attive nel campo dell’energia.

Secondo il rapporto di I-Com, il contributo al PIL nazionale delle startup energetiche potrebbe arrivare fino a 173 milioni di euro all’anno, corrispondente a circa il 10% del contributo dell’intero universo delle startup in Italia, stimato attorno ai 1.855 milioni di euro.
In termini assoluti il contributo economico maggiore lo forniscono le startup dell’energia attive al Nord con 105 milioni di euro. Si tratta di imprese per lo più di piccola dimensione se è vero che circa il 70% ha un fatturato inferiore a 100.000 euro.
Se allarghiamo, infine, lo sguardo al numero di brevetti depositati, scopriamo dei dati interessanti. Le due regioni che mostrano un rendimento migliore sono infatti Molise e Sardegna, dove circa la metà delle startup ha depositato un brevetto o registrato un software contro ad esempio il 29% della “regina delle startup”, ovvero la Lombardia.

Tag:, , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page