close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

Startup con la firma digitale? I notai ricorrono al Tar

le novità della legge sul lavoro autonomo

Era prevedibile una svolta legale di questo tipo e infatti è puntualmente arrivata: il Consiglio nazionale del Notoriato ha deliberato di presentare ricorso al Tar della Lazio contro il decreto ministeriale 17 febbraio 2016 che consente di costituire una startup attraverso una semplice firma digitale. 

Negli ultimi giorni vi abbiamo parlato di come questa decisione rappresenti una svolta per i soci delle startup, portandoli a risparmiare ingenti risorse di tempo e denaro (poco meno di 1.000 euro).
startup-notaioDal 20 luglio è già operativa la piattaforma online Atti Startup attraverso la quale è possibile avere il proprio statuto ed atto costitutivo in pochi minuti e senza muoversi da casa. Si tratta di un importante passo verso la semplificazione e la digitalizzazione dell’economia, una scelta che però ha trovato la forte opposizione dei notai.
Fino al mese scorso, infatti, per dare avvio ad una startup era necessario stipulare un atto notarile. Oggi viene comunque mantenuta questa possibilità, ma è facile ipotizzare che la maggior parte dei soci delle startup decidano di affidarsi alla più veloce e meno costosa procedura digitale. Tra l’altro Infocamere ha messo a disposizione degli utenti anche una guida che consentirà loro di utilizzare al meglio la nuova piattaforma e di compilare il form per la costituzione della nuova impresa senza commettere errori.

I notai, dal canto loro, ritengono che l’eliminazione dell’obbligatorietà dell’atto notarile possa portare a fenomeni di riciclaggio e all’infiltrazione della criminalità organizzata nelle startup, venendo limitati i controlli verso chi decide di iniziare un’attività imprenditoriale. La questione dei fenomeni illeciti e dei furti d’identità, possibili con il nuovo sistema digitale, dovranno essere senza dubbio affrontati dal governo per garantire maggiore trasparenza e sicurezza.
Quello di implementare un meccanismo digitale e semplificato per la costituzione delle startup resta una scelta da valutare positivamente perché darà modo agli startupper di risparmiare risorse fondamentali soprattutto nella fase di lancio di un’impresa.

Tag:, , , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page