Il bando Edison Pulse è diventato ormai un appuntamento tradizionale per chi vuole fare innovazione in Italia. Dal 2013 ad oggi, infatti, attraverso questa iniziativa sono state finanziate 7 startup per un investimento complessivo di 700mila euro. 

A partire dal 12 gennaio 2017 e fino al 28 marzo 2017 si aprirà ufficialmente l’edizione 2017. Quest’anno gli organizzatori hanno deciso di inserire una categoria speciale, ovvero un’area dedicata alle proposte per la ricostruzione post sisma. Potranno partecipare ai premi per quest’ultima categoria anche le imprese sociali.
Nello specifico Edison Pulse si rivolge a startup, team informali composti da almeno 3 persone in possesso di diploma di maturità e per l’appunto imprese sociali, ma solo per la categoria “Ricostruzione sisma”.

L’obiettivo dell’avviso è prima di tutto quello di promuovere l’innovazione e di incentivare partnership e rapporti di collaborazione virtuosi fra i partecipanti edison-pulse-2017al bando e le migliori realtà imprenditoriali italiane. Per questo motivo Edison assegna un ruolo di primo piano alla piattaforma web www.edisonpulse.it.
Quest’ultima non sarà solo lo strumento per presentare le domande di partecipazione ed avere tutte le informazioni relative al bando, sarà altresì un luogo di conoscenza di tutte le proposte progettuali, anche quelle che non saranno dichiarate vincitrici.
In questo modo ci potrà essere un proficuo scambio con eventuali investitori a prescindere dal risultato del bando.

Sono quattro le categorie nelle quali potranno concorrere i partecipanti: Energia, Smart Home, Consumer e Ricostruzione sisma. L’edizione 2017 di Edison Pulse propone, dunque, tantissimi ambiti dell’economia italiana. Le proposte progettuali potranno riguardare, infatti, soluzioni innovative in tema di rinnovabili e di risparmio energetico, smart city, comunicazione, internet of things, social, e-commerce e tanto altro.
Merita un approfondimento la categoria sulla ricostruzione post sisma. In questo caso i progetti potranno muoversi lungo questi tre ambiti di intervento:

  • promozione della dimensione culturale e turistica delle zone colpite dal terremoto;
  • valorizzazione delle filiere produttive locali;
  • creazione di soluzioni innovative per la gestione degli eventi sismici.

Accederanno alla fase finale i 20 migliori progetti; 16 (4 per categoria) saranno scelti da una giuria di esperti, gli altri 4 potranno essere selezionati dagli utenti online sul sito del bando.
Il vincitore di ciascuna categoria riceverà un premio di 50.000 euro più la possibilità di effettuare quattro settimane di incubazione e di avere una campagna di comunicazione a livello nazionale realizzata e gestita da Edison.
Per ulteriori informazioni potete consultare il bando.