curriculum vitae lettera accompagnamentoLetteralmente tradotto come corso della vita e degli studi, il curriculum vitae et studiorum, è la descrizione (veritiera) della situazione personale, scolastica e lavorativa, generalmente istruito al fine di una candidatura occupazionale. È il biglietto da visita per ottenere una convocazione utile a sostenere un colloquio di lavoro.

Ditemi chi non si è esercitato con tale strumento. Ditemi anche chi, piuttosto, lo abbia utilizzato come strumento di selfmarketing: vale a dire come azione finalizzata a collocarsi, anche in tempo di occupazione, sul mercato del lavoro.

È questa la riflessione sulla quale mi soffermo, rinviando ad altro intervento qualche nota esplicativa sulla redazione dello stesso.

Al pari di un biglietto da visita, il curriculum vitae ci accompagna sempre durante tutto il corso della nostra attività lavorativa: è nella nostra tasca, a portata di mano, per esibirlo in tutte le occasioni nelle quali vogliamo che il nostro interlocutore, meglio se trattasi di un responsabile delle risorse umane, venga messo a conoscenza delle nostre qualità personali, degli studi svolti, delle professionalità acquisite, delle esperienze significative vissute.

Comprenderete pertanto la risposta a chi mi chiede quando redigerlo: “subito!” o, meglio, “ieri!”. Sulla base del percorso scolastico compiuto, appena in possesso di una licenza liceale o di un diploma, o nel momento stesso in cui si sceglie di collocarsi sul mercato, il curriculum vitae deve esser lì, con noi, pronto a giocare la sua azione di selfmarketing.

Altrettanto dicasi per coloro che un’occupazione già ce l’hanno. Per questi ultimi il curriculum vitae è strumento da aggiornare con l’attività e il ruolo svolto, specificandone mansioni, competenze esplicate, risultati raggiunti. Rafforza così l’azione di selfmarketing: perché accontentarsi di quel posto di lavoro se, mercato permettendo, è possibile ambire in aziende o, anche più semplicemente, a ruoli più prestigiosi?

Come per la redazione di un bilancio delle competenze, un buon coach, o anche un selezionatore esperto, un counselor, può essere un riferimento importante: sia che redigiamo per la prima volta il curriculum vita, sia che lo aggiorniamo per puntare un po’ più in alto.