close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

Primarie USA: anche i repubblicani puntano sul diritto universale alla salute?

Quella del diritto alla salute, attraverso una sanità pubblica non più succube delle assicurazioni personali, fu la più grande battaglia che l’attuale presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha portato avanti, pur non ottenendo i risultati sperati per la contrarietà nel congresso dei Repubblicani e delle lobby delle assicurazioni e delle cliniche private. Ma il tema, in tempo di crisi, sembra stare a cuore a sempre più americani, anche tra gli elettori del GOP (Grand Old Party), così Donald Trump che nella notte ha trionfato in New Hampshire strizza l’occhio ad ampliare le fasce coperte dalla sanità pubblica, sottolineando come questa scelta effettuata dal Canada possa avere aspetti positivi anche negli Stati Uniti, per migliorare e allungare la vita dei cittadini statunitensi.

Salute_PrimarieUSA_TrumpIn questo modo, il mondo Repubblicano, cerca di togliere anche ossigeno a Hillary Clinton che fa del tema della salute pubblica e della sanità per tutti un proprio cavallo di battaglia, tanto da arrivare a parlare di una vera e propria Hillary’s Care, cioè una norma che estenda la così detta “Obamacare”.

Di certo, questo tema tornerà al centro del dibattito politico in entrambi gli schieramenti, visto che in entrambi i partiti cresce l’interesse degli elettori, per una sanità pubblica come diritto di tutti. Così, mentre in America si pensa ad ampliare le funzioni pubbliche, in Italia dopo anni di sprechi e ruberie si pensa invece a tagliare la sanità pubblica, andando ben oltre le spese inutili… Chi avrà ragione? E soprattutto, il nostro modello sanitario tanto apprezzato all’estero meriterebbe forse una “ristrutturazione” fatta di uomini onesti e con un’etica, anziché di puri e semplici tagli lineari che penalizzano ancora di più le aree svantaggiate del Paese (soprattutto quelle rurali del Mezzogiorno), facendo aumentare i viaggi della speranza e il turismo sanitario, anche verso Paesi dell’Est che offrono assistenza a basso costo… e spesso a basse garanzie…

Tag:, , , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page