Da domani le mamme che hanno partorito o adottato un minore nel 2017 potranno richiedere all’Inps il cosiddetto “bonus mamma”.

Si tratta di un assegno da 800 euro, introdotto dal Governo nella Legge di Stabilità 2017, che viene erogato in un’unica soluzione dall’Inps in base a ogni figlio nato, adottato o affidato a partire dal 1° gennaio 2017.
imprese-femminiliIl bonus viene assegnato alle famiglie indipendentemente dal livello di reddito e riguarda il singolo evento (nascita, adozione o affidamento): se nel corso del 2017, ad esempio, una famiglia ha avuto due figli avrà diritto a 1.600 euro.
Possono presentare la richiesta tutte le mamme che hanno partorito nel 2017 e quelle che si trovano almeno al settimo mese di gravidanza. La domanda deve comunque essere presentata entro un anno dalla nascita/adozione/affidamento del minore.
Per gli eventi verificatisi dal 1 gennaio al 4 maggio, il termine di un anno per la presentazione della richiesta slitta al 4 maggio.

Attraverso una circolare l’Inps ha reso note tutte le istruzioni sui soggetti beneficiari e su come compilare la domanda.
Nella fase di compilazione deve essere specificato l’evento per il quale si richiedere il bonus ovvero:

  • compimento del settimo mese di gravidanza;
  • nascita, anche se antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza;
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva;
  • affidamento pre-adottivo nazionale disposto con ordinanza o affidamento pre-adottivo internazionale.

La domanda di partecipazione può essere presentata esclusivamente online attraverso il portale dell’Inps oppure rivolgendosi ad un patronato o chiamando gratuitamente al Contact Center Integrato al numero 803164 oppure al numero 06164164 per le chiamate da cellulare con tariffazione a carico dell’utente.