close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

Nola, Confcooperative Calabria: Agricoltura, turismo ed innovazione le frecce più importanti per il futuro dell’Italia

Una manifestazione per dire no al taglio dei fondi al settore agricolo.
Si è svolto in data odierna, a Catanzaro, un sit-in convocato da Agrinsieme, la federazione che unisce Fedagri Calabria, Lega delle Cooperative, AGCI, CIA e Confagricoltura.
Tante le questioni oggetto di riflessione e discussione comune.
Una su tutte riguarda la nuova Imu agricola, contenuta nella Legge di Stabilità e destinata a mettere in difficoltà tanti piccoli produttori.

confcooperativeL’agricoltura rappresenta il vero e proprio fiore all’occhiello dell’Italia e di tutto il meridione. Lo dimostrano i dati sull’export e sul fatturato del settore, uno dei pochi comparti in crescita negli ultimi mesi.
I prodotti dell’agroalimentare italiano sono molto richiesti sul mercato internazionale. Merito anche di una moneta, l’Euro, in piena fase di svalutazione, il che rende ancora più appetibili le derrate nostrane.

Nonostante questi indicatori positivi, il settore agricolo lamenta i pochi investimenti da parte dello Stato e deve far fronte a numerosi problemi come la difficoltà di accesso al credito, il mancato pagamento dei debiti delle P.A. e le periodiche infiltrazioni delle associazioni mafiose, specie nelle aziende agricole del Mezzogiorno.
A ciò si aggiunge un carico fiscale per nulla clemente.

L’unica strada per la ripresa del nostro paese è, invece, l’investimento in innovazione, proprio nei settori cardine dell’economia nostrana: agricoltura e turismo.
Ne è convinto Camillo Nola, presidente di Fedagri e Confcooperative Calabria:
Se si vuole davvero che l’agroalimentare sia un traino dell’export, e che l’agricoltura in Calabria e nel Paese, anziché fermarsi e declinare, continui a crescere per diventare una risorsa strategica, è il momento di intervenire in maniera netta, con nuove politiche di sostegno verso chi opera con serietà creando sana occupazione, mandando fuori dai giochi chi ancora vive di rendita e speculazione.
Lo dice la storia ormai, la fabbrica dell’assistenza pubblica ha prodotto solo fallimenti e illuso intere generazioni di calabresi, dobbiamo comprendere che agricoltura ed agroalimentare, turismo ed innovazione sono le frecce più importanti al nostro arco per il presente e ancor di più per il futuro”.

Tag:, , , , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page