Now Reading: Marche, Confcooperative in campo per ricostruzione post-sisma

Loading
svg
Open

Marche, Confcooperative in campo per ricostruzione post-sisma

1 Dicembre 20233 min read

‘Dalle norme all’attuazione: progetti per la ricostruzione e la crescita sociale’ è il titolo del convegno che si è tenuto lunedì 27 novembre, nella Sala della Regione a Palazzo dei Capitani ad Ascoli Piceno.

Un momento di confronto tra cooperative aderenti, consorzi e soci con il mondo istituzionale, ecclesiastico, accademico e imprenditoriale, organizzato da Confcooperative Lavoro e Servizi, Confcooperative Marche con il patrocinio del comune di Ascoli Piceno.

L’incontro è stata l’occasione per fare il punto su quanto è stato fatto e quanto resta ancora da fare dai tragici eventi del 2016.

Dopo i saluti del Sindaco di Ascoli Piceno Fioravanti, dell’Arcivescovo Mons. Palmieri e del Presidente CCIAA Marche, il tema è stato affrontato dal Presidente Confcooperative Lavoro e Servizi Massimo Stronati insieme al Sen. Guido Castelli – Commissario Straordinario alla Ricostruzione e da numerose altre personalità del mondo economico e politico.

Collaborazione e coinvolgimento dei territori: formula per la ricostruzione

«Come cooperazione siamo pronti a facilitare reti di impresa sul territorio mettendo a disposizione il know how e le competenze provenienti dalle esperienze imprenditoriali del paese. Per la ricostruzione crediamo in una formula di collaborazione integrata e completa che passi attraverso il coinvolgimento dei territori, delle comunità per fare bene e creare lavoro buono». È questo il messaggio che il presidente Confcooperative Lavoro e Servizi Massimo Stronati ha lanciato nel corso dei lavori.

«Oggi il tema del salario minimo e del lavoro sono al centro del dibattito politico – ha proseguito il presidente Stronati – e la prima risposta può essere rappresentata dal nuovo codice dei contratti pubblici che con l’articolo 11 lega il CCNL all’oggetto dell’appalto. Si crea così lavoro qualificato, salari adeguati e acquisti/servizi efficienti».

Il Commissario alla Ricostruzione del Cratere, Guido Castelli ha ricordato come: «la fase iniziale del commissariamento sia partita in modo lento ma che molto si è lavorato per sburocratizzare le procedure per far partire i lavori – e ha sottolineato – come in questo momento sia necessario mettere in campo imprese qualificate e che rispondano ai bandi di gara che purtroppo stanno andando deserte. Contesto, quello della ricostruzione, in cui – ha detto Castelli – occorre puntare sulla transizione ambientale e tenere conto della crisi climatica».

Molto interessante la proposta del presidente della Camera di Commercio delle Marche e vice presidente Unioncamere nazionale Gino Sabatini «di far interagire nel caso della ricostruzione imprese e committenza in una piattaforma digitale».

Emozionante il contributo del Monsignor Palmieri, Arcivescovo di Ascoli che, parlando della cooperazione, ha citato l’episodio degli amici che aiutano il paralitico di Cafarnao, dal Vangelo. 

Sostieni la voce libera della cooperazione

Cari lettori e sostenitori della cooperazione,

Cooperative Italia è nato con una missione chiara: offrire una piattaforma informativa dedicata ai temi della cooperazione, economia, lavoro, agricoltura, terzo settore, innovazione sociale e innovazione d'impresa. Da sempre, ci impegniamo a fornire contenuti accurati, approfonditi e imparziali, perché crediamo in un media libero e indipendente.

Se condividete la nostra visione e la nostra passione, vi invitiamo a sostenerci. Ogni contributo, anche il più piccolo, fa la differenza.

svg

What do you think?

Show comments / Leave a comment

Leave a reply

svg