Legacoop Lazio termina ufficialmente il periodo di commissariamento iniziato dopo lo scoppio dallo scandalo Mafia Capitale. 

L’obiettivo dell’operazione era restituire credibilità ad un mondo, quello delle cooperative del Lazio e di Roma in particolare, finito sotto la gogna mediatica in seguito alle attività portate avanti dalla cooperativa 29 Giugno di Salvatore Buzzi.
Legacoop Nazionale ha deciso di intervenire, come più volte ribadito dal suo presidente Lusetti, avviando azioni di responsabilità solo verso gli amministratori coinvolti e di salvaguardare, al contrario, le cooperative e con esse i lavoratori.
In quest’ottica agisce anche il commissariamento di Legacoop Lazio nell’intento di ricostruire la classe dirigente dell’organizzazione di rappresentanza risanando al contempo i conti di un’associazione fortemente indebitata.

In questi due anni di commissariamento, Legacoop Lazio è stata guidata da Placido Putzolu che proprio ieri è stato eletto all’unanimità presidente di Legacoop Lazio. Potrà, dunque, dare seguito all’attività intrapresa in questi anni, un operato che ha già portato ad un deciso miglioramento dei conti e ad un rinnovamento della struttura organizzativa interna.
Putzolu può vantare una grande esperienza nel mondo della dirigenza cooperativa. È stato infatti dirigente dell’Ancd (Associazione nazionale cooperative fra dettaglianti Conad) e vicepresidente dell’Associazione nazionale delle cooperative turistiche.

Nella presidenza di Legacoop Lazio sono stati eletti anche Massimo Pelosi (Consumo), Anna Vettigli (Sociali),Andrea Laguardia (Produzione e Servizi), Daniele Del Monaco (Distretto Sud-Sociali), Giuseppe La Rocca (Agorà-Agroalimentare), Claudio Alibrandi (Conad), Silvia Galante (Unicoop Tirreno-Consumo), Elso Colarossi (Didasco-Sociali), Riccardo Bonanni (Isola-Sociali), Pina Rozzo (Speha Fresia-Prod. Servizi), Salvatore Manfredi (Fenix Pharma-Prod. Servizi), mentre resta ancora da definire il nominativo per il settore Cultura Turismo Comunicazione. Sono, inoltre, invitati permanenti alla presidenza Letizia Casuccio (Presidente Assemblea Delegati) e Marta Micheli (Generazioni Legacoop).

Nel corso del congresso, svoltosi il 15 ed il 16 febbraio, è intervenuto anche il presidente di Legacoop Mauro Lusetti che ha espresso la propria soddisfazione per il processo di ricostruzione interna affrontato da Legacoop Lazio e culminato con il congresso definito da Lusetti come una “bella prova di democrazia interna e di voglia di riprendere piena agibilità da parte dell’Organizzazione“. Sarà fondamentale, infine, continuare a ricostruire anche la reputazione di tutto il mondo cooperativo laziale attraverso azioni di responsabilità personale verso l’intera comunità e verso la stessa organizzazione di rappresentanza.