Ismea promuove il ricambio generazionale in agricoltura attraverso il bando “Primo Insediamento Ismea”. 

L’avviso mette a disposizione 65 milioni di euro attraverso mutui a tasso agevolato per i giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni che si insediano in agricoltura e che intendono acquistare un’azienda agricola. Tra queste risorse sono previsti anche 5 milioni di euro per i comuni colpiti dal terremoto nel 2016.
Il contributo è di massimo 70.000 euro, erogabile per il 60% all’inizio del periodo di ammortamento e per il 40% al momento della corretta attuazione del piano aziendale.
Possono partecipare al bando giovani che intendono insediarsi per la prima volta a capo di un’azienda agricola e che presentano i seguenti requisiti:

  1. età compresa tra i 18 anni compiuti e i 40 anni non ancora compiuti;
  2. cittadinanza in uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
  3. residenza nel territorio della Repubblica Italiana;
  4. possesso di adeguate conoscenze e competenze professionali, attestate da almeno uno dei seguenti documenti: titolo di studio di livello universitario di indirizzo agrario; titolo di studio di scuola media superiore in campo agrario; esperienza lavorativa, dopo aver assolto l’obbligo scolastico, di almeno due anni in qualità di coadiuvante familiare ovvero di lavoratore agricolo, documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale; attestato di frequenza con profitto ad idonei corsi di formazione professionale.

e-commerce credito d'impostaSono esclusi, invece, i soggetti che vengono considerati già insediati ovvero colore che sono iscritti al regime previdenziale agricolo e alla CCIAA nell’apposita sezione riservata alle imprese agricola, possiedono una partiva IVA nel settore agricolo e sono responsabili civilmente e fiscalmente della gestione dell’azienda agricola.

Le operazioni fondiarie per la richiesta delle agevolazioni possono avere diverse soglie finanziarie. In caso di operazione fondiaria compresa tra 250mila euro e 2 milioni di euro è previsto l’acquisto a cancello aperto (con esclusione quindi delle scorte vive e morte) della struttura fondiaria agricola e la sua successiva vendita, con patto di riservato dominio.
Sono consentite anche operazioni superiori a 2 milioni di euro: in questo caso ci sarà la concessione di un mutuo ipotecario di 2.000.000 di euro a garanzia del quale ISMEA acquisisce ipoteca di primo grado sul terreno oggetto dell’operazione per un valore pari al 120% del mutuo e, ove necessario, su altri beni fino a concorrenza del valore richiesto.
Il bando prevede, infine, operazioni comprese tra 100mila e 250mila euro, qualora si inseriscano in un contesto di arrotondamento fondiario.

La domanda di partecipazione può essere presentata in forma telematica entro le ore 12:00 del 12 maggio 2017. Nella valutazione delle domande non si considererà solo il rispetto dei requisiti, ma anche l’ordine cronologico di invio della richiesta di contributo (click day).