Sono 50 i progetti selezionati all’interno del bando Funder 35 per un valore complessivo di 2,5 milioni di euro in contributi a fondo perduto.
L’avviso è promosso da ben 18 fondazioni, con la Fondazione Cariplo come capofila del progetto, ed è rivolto alle organizzazioni non profit impegnate in attività di impresa culturale e con una componente giovanile (under 35) degli organi di gestione superiore al 50%.

L’obiettivo di Funder 35 è fornire sostegno economico e non solo alle imprese culturali impegnate nei seguenti ambiti:

  • produzione artistica/creativa in tutte le sue forme, da quelle tradizionali a quelle di ultima generazione;
  • servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla conservazione, alla circolazione dei beni e delle attività culturali

In tutto sono 170 le organizzazioni non profit che hanno inviato la loro proposta innovativa inerenti tematiche come la musica, la danza, il teatro, la fotografia, il cinema, l’enogastronomia ed il turismo.
Di queste, cinquanta sono quelle selezionate e che riceveranno un contributo pari al 75% della somma necessaria per il completamento del progetto. Altre dodici, invece, potranno effettuare un percorso di formazione sui temi del bando ed avere accesso a forme di credito agevolato.
I 50 progetti selezionati interessano 14 regioni italiane: 9 progetti in Piemonte (province di Asti, Cuneo, Torino); 7 in Campania (province di Avellino, Caserta, Napoli, Salerno); 5 in Emilia-Romagna (province di Bologna, Modena, Parma, Reggio Emilia), 5 in Lombardia (province di Cremona, Milano), 5 in Toscana (province di Firenze, Livorno, Lucca, Siena); 4 nelle Marche (province di Ancona e Ascoli Piceno); 3 in Puglia (province di Bari e Lecce); 2 in Friuli-Venezia Giulia (Udine), 2 in Liguria (Genova, La Spezia), 2 in Sardegna (province di Cagliari e Sassari), 2 in Valle d’Aosta (provincia di Aosta), 2 in Veneto (Padova); 1 in Calabria (Reggio Calabria) e 1 in Sicilia (provincia di Agrigento).

Ecco l’elenco delle imprese selezionate.

Scrivi un commento, alimenta la discussione