Nelle ultime ore è rimbalzata una voce che avrebbe del clamoroso. Secondo la Cnbc, Twitter sarebbe sempre più vicino alla cessione e uno degli acquirenti più credibili pare essere Google. 

Un’operazione di questo tipo rivoluzionerebbe l’intero mercato, ricalcando l’acquisto di LinkedIn da parte di Microsoft, e confermerebbe la volontà dell’azienda di Mountain View di puntare sul mondo social dopo lo scarso successo di Google+. Secondo numerose fonti, la cessione di Twitter potrebbe avvenire addirittura entro googlela fine dell’anno e tra i soggetti maggiormente interessati, oltre a Google, ci sarebbe Salesforce.
La notizia ha fatto subito volare il titolo azionario di Twitter che in poche ore ha guadagnato addirittura 21 punti percentuali, facendo registrare il miglior rendimento da inizio anno.
La crisi di Twitter dura ormai da qualche anno. Il celebre social non è mai riuscito realmente a tenere a bada la concorrenza di Facebook e più recentemente di Instagram, né in termini di numero di utenti nè di guadagni pubblicitari.
Non vanno meglio i risultati finanziari. Nell’ultimo bilancio trimestrale, i ricavi di Twitter ammontano a 602 milioni di dollari, facendo registrare la crescita più bassa da quando è quotato in borsa.
Negli ultimi mesi Twitter ha provato a lanciare alcune novità per rendere più interattiva la piattaforma. Viene consentito, ad esempio, agli utenti di incorporare nei tweet foto, video, sondaggi o gif senza “perdere” caratteri; di recente, inoltre, ha firmato degli accordi con la National basketball association (Nfl) e la National hockey league (Nhl) per trasmettere in diretta streaming attraverso un’app alcune partite delle massime competizioni di football americano e hockey.