È partita ufficialmente la quarta edizione di Culturability, il bando per i progetti culturali innovativi che intendono rigenerare spazi abbandonati, ex siti industriali ed edifici vuoti. 

L’avviso, indetto da Fondazione Unipolis, è stato presentato oggi a Milano nel corso dell’evento Cultura e inclusione sociale. La sfida della rigenerazione urbana”. Oggi più che mai siamo chiamati a far rivivere le nostre città e ad attivare quei processi di scambio culturale in grado di saldare i legami sociali.
La cultura, oltre ad offrire occasioni di integrazione e partecipazione sociale, può essere un importante fattore produttivo. Rigenerare un teatro abbandonato o un ex sito industriale, costruendo qualcosa di socialmente utile, significa trasformare il degrado in valore economico.

Culturability nasce con l’intento di dare una sostenibilità economica sul lungo periodo ai progetti culturali innovativi, a quelle idea capaci di creare partnership tra la società civile e le istituzioni. Il bando si rivolge nello specifico ai seguenti soggetti:

  • organizzazioni non profit, imprese cooperative e private che operano in campo culturale ricercando un impatto sociale, con sede in Italia e un organo di gestione composto prevalentemente da giovani under 35;
  • team informali composti prevalentemente da under giovani 35,
  • reti di partenariato fra organizzazioni.

culturability 2017Il bando – specifica il regolamento di Culturability – è aperto a progetti innovativi nel settore culturale e creativo che, attraverso il recupero, il riuso e la riattivazione di beni immobili e spazi fisici (pubblici o privati, urbani e non, edifici o spazi aperti, dismessi, sotto utilizzati, con una destinazione d’uso diversa da quella culturale, con una destinazione culturale iniziale che ha necessità di essere recuperata o rinnovata), si propongano di mettere questi luoghi a disposizione delle comunità territoriali, generando un impatto sociale positivo e creando occasioni di rigenerazione a vocazione culturale e di sviluppo, favorendo processi e percorsi di collaborazione e cittadinanza, soprattutto giovanile.
Il bando si propone, quindi, di sostenere progetti di innovazione non solo culturale ma anche sociale, in grado di generare risposte nuove ai bisogni sociali vecchi o emergenti, di creare nuova occupazione e di favorire partnership tra pubblico, privato e terzo settore, cittadini.

Alla fine della prima fase di valutazione, i 15 progetti migliori potranno accedere ad un percorso di formazione e mentoring nel corso del quale i team potranno sviluppare le proprie competenze e migliorare le proprie idee progettuali. Il corso si svolgerà tra i mesi di giugno e luglio.
Alla fine verranno scelti 5 progetti che riceveranno un contributo a fondo perduto di 50mila euro ciascuno più la possibilità di partecipare ad un ulteriore percorso di mentoring. Verranno poi premiati attraverso una menzione speciale altri due progetti che beneficeranno di un contributo di dieci mila euro ciascuno.
Il termine per la presentazione delle domande è fissato per le ore 13:00 del 13 aprile 2017. Per inviare la domanda è necessario iscriversi sul sito culturability.org e compilare online l’apposito form.