close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

Domani scade l’acconto per Imu e Tasi: quali saranno le aliquote?

Domani scadrà l’acconto per il pagamento di Imu e Tasi. Per il secondo anno consecutivo circa 26 milioni di contribuenti saranno chiamati a pagare una doppia imposta per il possesso di uno o più immobili.
La previsione di un’unica tassa, la cosiddetta Local Tax, è stata rinviata alla prossima Legge di Stabilità. Per adesso i cittadini si dovranno confrontare con il medesimo quadro normativo dell’anno precedente, nella speranza che, a partire da dicembre, ci possa essere una regolamentazione finalmente stabile e chiara su una questione sempre molto delicata.

Entro domani i cittadini saranno chiamati a pagare il primo dei due acconti sull’Imu e sulla Tasi. Il secondo dovrà essere versato entro dicembre. Ma quali saranno le aliquote da applicare?
Partiamo da un dato abbastanza emblematico: in quasi 6000 comuni su 8000 le nuove aliquote devono ancora essere elaborate ed in molte realtà locali sono addirittura aumentate. Per fare un esempio, nei circa 2.200 Comuni che hanno deliberato le nuove aliquote nel 10,2% dei casi l’imposta sulla prima casa è aumentata, mentre solo nel 6,4% dei casi è diminuita (dati ItWorking).
TAXÈ previsto, dunque, un nuovo aumento degli incassi per l’erario pubblico: solo per questa prima rata viene stimata una cifra di 10 miliardi di euro.
Non ci sarà, però, alcun importo maggiorato per il contribuente con la medesima situazione patrimoniale del 2014. In questo caso basterà verificare la cifra versata l’anno scorso e dividerla per due.
Dunque, se non avrete acquistato un nuovo immobile per tutto l’anno 2014 e per questi primi mesi del 2015, potrete pagare la medesima cifra dell’anno scorso oppure usufruire dell’aliquota ridotta, in quei pochi casi in cui quest’ultima è stata applicata.
Dovranno essere effettuati, invece, delle rimodulazioni, se la situazione patrimoniale ha subito delle variazioni negli ultimi 18 mesi.

Tag:, , , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page