Qual è la percezione del livello di disuguaglianza sociale esistente in Italia? Secondo un’indagine realizzata da Demopolis per Oxfam su un campione di 3.000 intervistati, i cittadini italiani credono che le diseguaglianze siano fortissime e soprattutto che siano aumentate negli ultimi cinque anni (61% degli intervistati).

Negli ultimi giorni vi abbiamo parlato di diversi studi sulla povertà nel nostro Paese, tutti concordi nell’affermare che il numero di indigenti è in costante aumento e abbraccia classi sociali ed anagrafiche differenti, interessando da vicino anche i giovani. Si tratta dunque di un grave problema sociale che dovrà nei poverta-caritasprossimi mesi diventare una priorità del Governo.
Demopolis ha chiesto anche agli intervistati di individuare gli ambiti in cui si manifestano maggiormente le diseguaglianze e soprattutto quali sono, a loro avviso, le cause.
Secondo il 76% dei cittadini italiani le disparità economiche e sociali sono espresse soprattutto dai livelli di reddito e quindi anche dalle differenti retribuzioni. La concentrazione delle risorse nelle mani di pochi individui si manifesta però anche nel patrimonio (63%) e nelle opportunità di accesso al mondo del lavoro (60%). Pure la sanità e l’istruzione vengono percepiti come un fattore di  diseguaglianza, a maggior ragione in cui periodo storico in cui lo Stato non riesce a garantire i servizi essenziali, specie nelle aree periferiche e rurali.

È interessante, inoltre, osservare quali sono, secondo gli intervistati, le cause della persistente e crescente disparità economica e sociale presente in Italia. Secondo il 65% degli interpellati il principale fattore di diseguaglianza è rappresentato dall’evasione e dall’elusione fiscale; seguono a ruota le relazioni politiche e/o clientelari (64%) e le politiche in ambito economico e fiscale.
I cittadini credono che un intervento per ridurre le diseguaglianze sia prioritario ed urgente (80% degli intervistati) e che soprattutto debba essere riformato l’intero impianto fiscale, ritenuto dall’82% come non equo.
La lotta contro l’evasione, una maggiore redistribuzione delle risorse ed un sistema fiscale meno oppressivo devono essere, dunque, secondo i cittadini, le priorità del Governo per avere una società più giusta.