È Copenaghen la città più verde del mondo. Lo dice la quinta edizione del Global Green Economy Index, lo studio realizzato dal DualCitizenLLC sulla sostenibilità ambientale basato su un campione di 80 paesi del mondo e oltre 50 città. 

L’indagine esamina il rendimento dei territori analizzati in base ai seguenti indicatori: leadership e cambiamento climatico; efficienza industriale; marketing e investimenti; sviluppo ambientale.
copenaghen green economyCopenaghen conferma il primato mondiale del Nord Europa in termini di green economy. Lo fa grazie ad una rete di piste ciclabili efficiente, a costruzioni sostenibili e alla diffusione capillare di supermercati biologici. Alle spalle della capitale danese troviamo un’altra capitale del verde, ovvero Stoccolma.
Ai piedi del podio si colloca invece Vancouver, davanti ad Oslo e Singapore.
L’Europa e nello specifico l’Europa del Nord dominano questa graduatoria con ben sei città nella top ten.

Per quanto riguarda, invece, le singole nazioni, svetta la Svezia che ormai da parecchi anni ha intrapreso un percorso deciso verso la sostenibilità ambientale e lo sfruttamento delle energie rinnovabili. Un obiettivo che viene perseguito innanzitutto attraverso la riduzione delle emissioni di materiale inquinante (-23% dal 1990).
Parliamo dello stesso paese che sta discutendo in questi giorni una proposta di legge per certi aspetti rivoluzionaria. Il governo guidato dai socialdemocratici e dai verdi ha proposto di abbassare dal 25% al 12% l’Iva per chi decidere di far riparare i piccoli beni e di riutilizzarli per altri scopi riducendo così il numero di rifiuti.
L’idea è anche quella di far crescere l’industria delle riparazioni, un settore scarsamente professionalizzato e che può accogliere i tanti migranti in cerca di lavoro.
In parallelo è stata pensata anche una “chemical tax” per i costi di smaltimento dei prodotti abbandonati.
Capiamo benissimo, dunque, come e perché la Svezia e la Scandinavia siano sempre ai primi posti nelle classifiche su ambiente e sostenibilità.
Nella classifica del Global Green Economy Index al secondo posto troviamo la Norvegia, davanti a Finlandia, Svizzera e Germania. L’Italia, invece, si deve accontentare del sedicesimo posto.