Il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, l’ha definita come “la casa della società civile”. Cascina Triulza sarà questo e molto altro nel corso dei sei mesi di durata di Expo 2015 e negli anni a venire.
Il progetto è ambizioso e dopo lo scetticismo iniziale, il 24 Aprile sarà finalmente portato a termine con la conclusione degli allestimenti.
Cascina Triulza è un network partecipato dalle 63 maggiori associazioni del Terzo Settore italiano e ha già organizzato 750 eventi per tutta la durata dell’Expo.
È la prima volta che il mondo del volontariato partecipa ad un’esposizione universale. Ma Cascina Triulza vuole lanciare un messaggio chiaro: è possibile implementare un modello alternativo di sviluppo anche nella società moderna, così come possono essere veicolati alcuni valori dimenticati come quelli della qualità del cibo e della sicurezza alimentare, veri e propri principi portanti della Carta di Milano presentata in questi giorni. Si cercherà, inoltre, di ribadire quanto sia importante il ruolo della donna in tutti i settori della società, specie nell’agricoltura.

cascina triulzaSarà un bellissimo momento di incontro e confronto, per dimostrare al mondo intero che oltre alle istituzioni e al mercato, esiste anche una realtà, quella del terzo settore, che agisce per soddisfare i bisogni della società senza avere scopri di lucro.
Per questo motivo ben 41 associazioni avranno la possibilità di presentare la propria attività e di proporre nuove idee di sviluppo.
All’interno di Cascina Triulza sarà presente anche “un’area mercato”, dove verranno ospitati circa 200 produttori locali ed internazionali (circa il 30% proverrà dell’estero), grazie anche al contributo di 300 comuni.
Il tutto avverrà senza sponsor esorbitanti, come invece è avvenuto per altri padiglioni. Ci tiene a ribadire questo aspetto Sergio Silvotti, presidente della fondazione Triulza: “Abbiamo detto dei no anche a sponsorizzazioni economiche importanti perché non corrisponde al nostro codice etico”.
Il bilancio della fondazione chiuderà comunque in pareggio (entrate per 3 milioni e 481 mila euro ed uscite per 3 milioni e 384 euro). Questo rappresenta un segnale importante per la fondazione che vuole dare continuità alla propria attività anche alla fine di Expo, contando esclusivamente sulla propria forza economica.
Cascina Triulza rimarrà con ogni probabilità in mano al Terzo Settore e potrà così rappresentare uno straordinario veicolo di aggregazione e proposta per il tutto il sociale italiano di qui agli anni futuri.