antonio borea

Nasce Campania in Guscio, il nuovo consorzio cooperativo dei produttori di noci e nocciole

La Campania è uno dei territori leader in Italia e nel Mondo per la produzione di noci e nocciole. Come tutti i comparti dell’agroalimentare, però, anche quello della frutta a guscio ha bisogno di incentivare l’aggregazione tra gli operatori del settore per resistere alla concorrenza estera e al ribasso del prezzo delle materie prime. Da qui nasce l’idea di formare la società consortile cooperativa “Campania in guscio – Distretto agroalimentare di qualità“.

L’aggregazione: il motore in più dell’agroalimentare italiano

La scelta di cooperare e condividere con altri soggetti alcune delle scelte aziendali più importanti è ormai quasi indispensabile per le piccole realtà in un mercato completamente globalizzato. Lo abbiamo visto, tra gli altri, nel settore lattiero-caseario e in quello ortofrutticolo dove tanti piccoli produttori che faticavano ad essere competitivi hanno deciso di unirsi e dare vita a cooperative che oggi rappresentano delle vere e proprie eccellenze su scala globale. 
Le organizzazioni di produttori hanno il merito di valorizzare al meglio il prodotto attraverso un giusto prezzo e danno la possibilità alle imprese aderenti di avere maggiori certezze economiche in un contesto di mercato molto volatile.

Gli obiettivi di Campania in Guscio

“L’elemento innovativo del Distretto della frutta a guscio – specifica la nuova società in una nota stampa – è la partecipazione dal basso delle aziende, che hanno deciso di aggregarsi per nominare un comitato promotore prima e dare vita il 18 maggio 2021 ad una Società cooperativa consortile denominata Campania in guscio“.

Il nuovo gruppo sarà guidato da Francesco Vita e dal suo vice Pellegrino La Manna, già presidente de “Il Guscio Op”, mentre il direttore tecnico sarà Sabato Castaldo.
Faranno parte, invece, del consiglio di amministrazione  gli amministratori delle aziende agricole Biagio FranzeseGiovanni D’avanzoFrancesco Ferrante, Daniela Nunziata Rega. Siederanno nel Cda inoltre Domenico De Lucia per la Domenico De Lucia SpaChiara Sodano per la società agricola Nutitaly, ed i rappresentanti delle cooperative agricole Carlo Mazza (Nocciole Irpine) e Nicola Muto (AgriVesuvio).

La costituenda società Daq Campania in guscio – ha dichiarato il presidente Gioia – si proporrà di svolgere un ruolo strategico tra le diverse realtà agricole e agroalimentari del territorio per la valorizzazionepromozione commercializzazione delle produzioni di qualità come quella del noce, prodotto pivot Bio, del nocciolo, e di tante altre eccellenze del nostro territorio“.

Il ruolo di Confcooperative Campania

Tra i promotori della nuova società cooperativa Campania in Guscio c’è anche Confcooperative Campania che da sempre porta iniziative per favorire l’aggregazione tra imprese di piccola e media dimensione.

Il nostro ruolo come associazione che rappresenta il movimento cooperativo in Campania – ha sottolineato Antonio Borea, presidente di Confcooperative Campania – è soprattutto quello di unire, di mettere insieme le persone, le competenze, di generare connessioni e contaminazioni. Certamente spetterà alle singole imprese, alcune delle quali vere eccellenze del comparto frutta in guscio, cogliere il meglio dall’avvio del Daq, ma è nostro compito mettere gli imprenditori nelle condizioni di intercettare strade per la crescita e il miglioramento“.

Scrivi un commento, alimenta la discussione