Alleanza delle Cooperative: collaborazione con Avviso Pubblico contro le false cooperative

L’Alleanza delle Cooperative ha siglato un protocollo d’intesa con Avviso Pubblico per combattere il fenomeno delle false cooperative.
Avviso Pubblico è un’associazione che unisce oltre 300 soggetti tra Comuni, Unioni di Comuni, Province e Regioni, nell’intento di stimolare la formazione civile contro le mafie.
Attraverso questa collaborazione l’Alleanza porterà avanti in maniera ancora più convinta ed efficace la campagna di contrasto alle cooperative spurie, culminata in una raccolta firme per portare in Parlamento una legge di iniziativa popolare proprio su questo tema.

«Siamo vicini alle 70.000 firme e puntiamo alle 80.000 – ha dichiarato Rosario Altieri, presidente dell’Alleanza delle Cooperative – Per chi cerca scorciatoie alla legalità non c’è spazio nell’Alleanza delle Cooperative. Con le istituzioni e con gli enti locali siamo in prima linea per contrastare la criminalità diffusa in troppi stop alle false coopsettori dell’economia e presente su tutto il territorio nazionale».
Secondo i calcoli del Centro Studi dell’Alleanza sarebbero oltre 100.000 i lavoratori impiegati all’interno di coop che non rispettano i contratti nazionali ed agiscono al di fuori dei controlli contabili.
Le false cooperative sfruttano il basso costo del lavoro per violare la libera concorrenza, vincendo appalti ed aste pubbliche al ribasso e provocando gravi danni economici alle coop sane.
La perdita fiscale e previdenziale sarebbe, invece, di oltre 750 milioni di euro l’anno.
Il protocollo d’intesa con Avviso Pubblico intende portare questa battaglia anche all’interno delle istituzioni e nei singoli territori. La lotta contro le false cooperative deve proseguire anche dopo la fine della raccolta firme e deve essere interessare tutta la società civile.
Avviso Pubblico si impegna ad organizzare iniziative pubbliche per sensibilizzare la cittadinanza su questa tematica e far emergere il lato buono e onesto della cooperazione.

Scrivi un commento, alimenta la discussione