close
Breaking news

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La presentazion...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel 2018 dovreb...read more (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il neo presiden...read more

730 precompilato: proroga al 9 febbraio per le spese mediche

730 precompilato spese mediche

Una novità importante per il nuovo 730 precompilato: ci sarà tempo fino al 9 febbraio per inviare tutte le informazioni sulle spese mediche e farmaceutiche sostenute dai cittadini.
L’Agenzia delle Entrare ha deciso, dunque, di rinviare la data di scadenza di nove giorni considerati i ritardi evidenziati in questi giorni.

Il direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi, ha specificato però che non ci sarà un ulteriore rinvio. Il 730 precompilato dovrà essere a disposizione dei Caf ed dei professionisti il 15 aprile, mentre i contribuenti potranno consultarlo a partire dal 2 maggio.
730 precompilato spese medicheI tempi, dunque, sono stretti.
I soggetti interessati dal rinvio sono medici, farmacisti e strutture sanitarie che hanno il compito di comunicare le spese mediche sostenute dai cittadini presso centri medici e Asl,aboratori di analisi, case di cura e tutte le spese che riguardano farmaci e dispositivi sanitari.
Il 2016 sarà l’anno dell’esordio delle spese sanitarie all’interno del 730 precompilato. L’anno scorso, infatti, non c’erano stati i tempi tecnici necessari per inserire questa voce nella nuova dichiarazione dei redditi, una mancanza che aveva suscitato molte polemiche.
A partire dal 10 febbraio 2016 e fino al 9 marzo, invece, i contribuenti potranno accedere alla propria area riservata del Sistema Tessera Sanitaria e consultare l’elenco delle spese sanitarie effettuate.
Durante questa finestra temporale i contribuenti potranno inoltre negare il trattamento diretto dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrare per ragioni di privacy. Questa opzione riguarda solamente i casi in cui non si vuole far conoscere ai propri familiari o al proprio coniuge la spesa sostenuta per una determinata patologia.
Il contribuente dovrà compilare un’apposita dichiarazione che certifichi il diniego al trattamento dei dati ed inviarla all’indirizzo opposizioneutilizzospesesanitarie@agenziaentrate.it. Sarà comunque possibile inserire successivamente le spese mediche per le quali è stato dichiarato il diniego.

Tag:, , , ,

No Comments

Scrivi un commento, alimenta la discussione

Story Page